archeologia virtuale

Archeologia Virtuale – La realtà virtuale in archeologia.

pianta 3d (3)Il termine virtuale, sempre più consueto, è diventato un motivo di confronto e riflessione per molti studiosi. Se nel linguaggio comune il significato viene esteso fino ad comprendere qualsiasi surrogato della realtà in formato digitale, da un punto di vista tecnico con Realtà Virtuale[1] ci si riferisce ad “un particolare tipo di simulazione interattiva, nella quale lo spettatore, in interazione con un computer, può esplorare ed interagire con una rappresentazione tridimensionale di oggetti ed ambienti, provando la sensazione di essere nell’ambiente stesso che, pur non esistendo concretamente, può essere percorso ed osservato” (Liguori M. C. 2008, p. 2). (altro…)

classe 3d

Archeologia Virtuale

sv rend interno (1).pngBREVE STORIA DELLE TECNOLOGIE INFORMATICHE IN ARCHEOLOGIA
Le tecnologie informatiche per la gestione dei dati e la loro visualizzazione hanno trovato la loro prima applicazione in ambito scientifico, ma nel corso dell’ultimo quindicennio hanno acquistato uno spazio sempre crescente anche in quello dei beni culturali. (altro…)

Perché Archeologia 3d?

Occupandomi di Archeologia Virtuale mi sono ritrovato varie volte a pormi una domanda: perché fare Archeologia in 3d?
La risposta comporta il necessario approfondimento di alcuni temi   fondamentali, stranamente trascurati dalla divulgazione archeologica: la comunicazione e la percezione visiva.
I modelli tridimensionali e la Realtà Virtuale, infatti, affascinano così tanto perché danno la possibilità di visionare immediatamente una gran mole di dati:  infatti   gli   studi  sulla   percezione   suggeriscono   che   un   modello   tridimensionale riesce a simulare il modo in cui l’uomo apprende. Così, osservare su un monitor una ricostruzione, anche solo un filmato prodotto in precedenza (in attesa che gli strumenti per la visione in tempo reale risultino alla portata di tutti), riesce in qualche modo ad attivare la percezione senso-motoria, fondamentale per sentire e capire un luogo fisico. (altro…)