Perché Archeologia 3d?

Occupandomi di Archeologia Virtuale mi sono ritrovato varie volte a pormi una domanda: perché fare Archeologia in 3d?
La risposta comporta il necessario approfondimento di alcuni temi   fondamentali, stranamente trascurati dalla divulgazione archeologica: la comunicazione e la percezione visiva.
I modelli tridimensionali e la Realtà Virtuale, infatti, affascinano così tanto perché danno la possibilità di visionare immediatamente una gran mole di dati:  infatti   gli   studi  sulla   percezione   suggeriscono   che   un   modello   tridimensionale riesce a simulare il modo in cui l’uomo apprende. Così, osservare su un monitor una ricostruzione, anche solo un filmato prodotto in precedenza (in attesa che gli strumenti per la visione in tempo reale risultino alla portata di tutti), riesce in qualche modo ad attivare la percezione senso-motoria, fondamentale per sentire e capire un luogo fisico. (altro…)

Call Now Button